La via in Blues

Testo: Samuele Spilla, Marco Valenti

Cammino solitario per la strada

che mi porta a te

mi fermo a una vetrina c’è un bancone

e una tazzina del caffè

che fuma

come quel tizio lì di fronte che mi guarda

e dice beh che c’è

la lama di uno sguardo obliquo

taglia il fumo del locale

 

Mi fermo indietro

poi riparto ancora sulla strada

che mi porta a te

colori metropolitani da ascoltare

come orchestre blues

 

Osservo facce chiare facce scure facce ride

ho il cuore sbarazzino

come quello di un bambino

la mia mente vola lontano

si posa sul ricordo di qualcosa

che credevo fosse là sul filo

sul filo del rasoio

ma pensare forse tanto non mi va

cammino solitario per la mia via in blues