Volturna

Testo: Samuele Spilla

Quando sono entrato c’era uno specchio e una tenda rossa

troppi uomini erano già passati di là

decisi di continuare quello che cercavo non era quel clamore

ma qualcosa che colmasse il mio bisogno di interiorità

 

Entrai in una piccola stanza azzurra fu così che conobbi Volturna

troppo discreta per il suo rossetto era perfetta e al primo sguardo

non vidi la puttana del centro vidi lei vidi lei

e mi mancò il mio letto

 

Mi accolse come fossi stato il primo

i vestiti sul pavimento suggerivano il contrario

era perfetta era perfetta oltre la luce del lampadario

Sapevo che oggi avrei dovuto raccontarla

fu allora che la mente mi suggerì

di pagarla